Il silenzio è omertà

IN PRIMA PERSONA. Un atto intimidatorio ai danni di una donna brava e capace che subisce da almeno dieci anni azioni di mobbing e che si occupa di agricoltura. Si tratta di Laura La Torre, direttore generale per il riconoscimento degli organismi di controllo e certificazione presso l’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari. Lavora in seno al Ministero delle Politiche agricole ed è così brava da essere continuamente ostacolata, fino all’atto intimidatorio che ha subito lo scorso 14 febbraio e passato sotto silenzio. Nessuno infatti ha parlato dell’episodio, nessuno ne scrive, e chi lo fa minimizza, sostenendo sia stato solo un incidente, un corto circuito, ma non è così. Questa è l’Italia del silenzio omertoso che tace perché nulla cambi. Io non posso far passare questa notizia nell’indifferenza generale.

Il testo della mia denuncia: cliccare qui.

Questa voce è stata pubblicata in In prima persona. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *