L’aria dei Messapi

Nel marzo 1997 è nata l’idea di una pubblicazione insolita, senza una precisa periodicità di riferimento. Il titolo, “L’Aria dei Messapi“, rimanda agli antichi abitatori del Salento ed è stato pensato da Luigi Caricato insieme con il poeta Giampiero Neri.

“L’ARIA“, e non invece “La TERRA“, anche perché secondo Neri il concetto di ARIA implica effettivamente un senso di movimento, oltre che di ampiezza di sguardi e confini, che la TERRA non può certo esprimere come tale.

De “L’Aria dei Messapi” sono stati finora pubblicati quasi quaranta minuscoli libretti, ciascuno in tiratura limitata di 500 copie, per offrire una lettura più profonda e lucida, meno evanescente, della realtà che viviamo; e con uno sguardo privilegiato sul mondo rurale e sull’olivo e l’olio in particolare.

Perché l’olio? Perché l’iniziativa è nata quale supporto all’attività comunicativa di un’azienda agricola a cui Luigi Caricato è particolarmente legato, non per delle ragioni professionali, ma per un motivo, come dire, di carattere espressamente familiare.

I genitori e i fratelli di Caricato seguono infatti le sorti di un’azienda agricola ubicata a poca distanza dalla capitale messapica di Rudiae e dalla città di Lecce, nel Salento.
L’azienda, fondata nel 1815 dal trisavolo Luigi Guido, dispone di alcune tenute olivetate e di un frantoio di proprietà. E Luigi Caricato, non sottraendosi certo al legame parentale, ha pensato bene di manifestare la propria vicinanza alla famiglia contribuendo più che sul piano “materiale”, su quello “spirituale”.

I testi pubblicati sono in gran parte degli inediti di autori contemporanei, tranne alcune riproposte, in forma di omaggio, di alcune testimonianze letterarie non sufficientemente valorizzate. Tra queste, ricordiamo le voci di poeti come Giuseppe De Dominicis (1869-1905) e Girolamo Comi (1890-1968)…
Mentre tra gli inediti citiamo quelli di Giampiero Neri, Maurizio Cucchi, Antonio Riccardi, Giuseppe Pontiggia, Vivian Lamarque, Franco Loi, Cesare Greppi, Roberto Mussapi, Donatella Bisutti, Ermanno Krumm, Tomaso Kemeny, Carmen Gregotti, Roberto Carifi, Angelo Crespi, Bianca Garavelli, Marina Corona, Meeten Nasr, Elvira Battaini, Giorgio Mannacio

I commenti sono chiusi.